Da Altavilla si domina tutta Alba. La città si distende nel limitato spazio pianeggiante fra la sponda destra del Tanaro e le prime pendici delle Langhe. Ad Altavilla l'aria è diversa da quella della città sottostante, perché come sulle altre creste delle colline di Langa tira sempre una brezza che talvolta può farsi davvero forte. Non a caso, quindi, il cardinale Enrichetto Virginio Natta, vescovo di Alba nel 1750 vi fece costruire la casa estiva del vescovado.

L'area esterna è un'oasi di pace e tranquillità. Dal parco in cima alla collina di Altavilla si può ammirare l'intera città di Alba fino al Monviso, mentre nelle giornate soleggiate si può godere della brezza leggera che soffia tra i pini e le siepi. Adiacenti ai padiglioni si trovano due anfiteatri esterni con oltre 100 posti a sedere, che consentono lo svolgimento di incontri e momenti di riflessione all'aperto durante il periodo estivo.

 


ACCESSIBILITA' DISABILI


PARCHEGGIO AUTO E BUS


PARCO CIRCOSTANTE LA CASA


ASCENSORE AI PIANI

La struttura non è attrezzata per accogliere animali che pertanto NON sono ammessi.

SERVIZIO RISTORANTE


Cucina tipica e 120 posti a sedere
Scopri di più

SALA CONFERENZA IPOGEA


Platea da 250 posti, impianto audio e video
Scopri di più

La Casa Diocesana di Altavilla è un progetto di imprenditoria sociale della Cooperativa "Il Ramo" ONLUS e della  Comunità Papa Giovanni XXIII. Qui persone con disabilità e disagi diversi, trovano nuove chance di crescita.